Cittadinanza italiana

La legge italiana riconosce il diritto alla cittadinanza italiana, con poche eccezioni, a qualsiasi discendente diretto di un cittadino italiano. Il processo del riconoscimento per via consolare è, tuttavia, costoso e lunghissimo.

Perché allora non approfittare della possibilità che la legge italiana offre, di risiedere in Italia, inoltrando la richiesta direttamente al comune di residenza? Il servizio Gate 3 è destinato a coloro che desiderano percorrere questa via e cogliere l’occasione per vivere il proprio Paese di origine.

Se nella linea familiare che trasmette il diritto alla cittadinanza italiana nasce una donna e la persona successiva è nata prima del 1948, il processo cambia e deve essere fatto attraverso il tribunale, con l’aiuto di un avvocato. Leggi di più qui.

Ricostruzione

Ti aiutiamo a identificare i documenti che saranno necessari (il certificato di naturalizzazione, i certificati di nascita e matrimonio di tutti coloro che trasmettono la cittadinanza italiana al richiedente) per la richiesta.

Provvediamo, se necessario, le copie dei documenti italiani. Analizziamo, verifichiamo e organizziamo la documentazione in modo che non ci siano spazi per errori.

Non hai bisogno del nostro aiuto per affrontare tutta la procedura?

La Gate 3 è al tuo servizio anche per la sola richiesta di documenti qui in Italia: non dovrai far altro che attenderli per posta.

Traduzione

Ci occupiamo della traduzione dei tuoi documenti in pieno contenuto e apostilla (se il richiedente non viene dal Brasile con i documenti già tradotti). Pianifichiamo e accompagniamo le agenzie pubbliche competenti attraverso il nostro servizio di interpretariato e mediazione specializzato.

Ospitalità

Le nostre soluzioni di alloggio sono scelte con cura per offrirvi il comfort e l’atmosfera familiare che state cercando, che inizia già nel nostro trasferimento dalla stazione / aeroporto a casa vostra, che vi farà sentire benvenuti in Italia.

Affinché una persona, italiana o straniera, risieda in Italia, deve, una volta che la domanda di residenza è stata presentata, attendere l’ispezione di un ufficiale di polizia municipale (vigile). Questo dipendente ha fino a 45 giorni per fare questo sondaggio, essendo in grado di farlo più di una volta o non andare una volta, tacitamente confermando la residenza dopo 45 giorni. Durante questo periodo, il richiedente deve rimanere nella sua residenza per un lungo periodo di tempo, poiché il vigile deve assicurarsi di essere fisicamente in quella dimora.

Riconoscimento nella città di origine dell’avo italiano

Se il comune dà un parere favorevole e se troviamo la disponibilità di residenza, il richiedente può scegliere di presentare la domanda di riconoscimento della cittadinanza nella stessa città di origine dell’ascendente italiano emigrato in Brasile, arricchendo ulteriormente la sua riscoperta di cittadino italiano.

Contattaci per preventivi e maggiori dettagli!